La rivisitazione dell’Italia Turrita è realizzata dall’illustratore Piero Tonin e nasce come l’evoluzione della Venere Callipigia che nel 2016 ha accompagnato Premio Itala.
Essa rappresenta il passaggio di Itala ad una nuova forma di politica culturale, non competitiva, che ha come scopo di proteggere l’amore per le arti con iniziative festose e cooperative in cui chiunque, anche con un semplice selfie, può sentire di esserne stato parte.
Il logo di Festival Itala. Per una rinascita delle arti è stato animato dall’animatrice Gaia Bracco.